Immagine

Nella settimana più densa di avvenimenti nella politica nazionale, nella quale si profila un rapido cambio del Presidente del Consiglio, nel comprensorio sorano invece come ormai da molto tempo, con regolarità e senza stupore generale, si assiste e si tollera il solito via vai di autorità politiche.

Dalle celebri e spettacolari visite al nosocomio sorano della ex Presidente di Regione, Renata Polverini, che in piena emergenza benediva il modello Sora (?!), sottraendo però a causa della sua visita mezzi e uomini all’emergenza; passando per il Ministro Lorenzin, anch’essa occupata a rassicurare sulla presunta scure che dovrebbe colpire ancora una volta la sciagurata struttura sorana.

Infine, l’inaugurazione del centro servizi Leonardo, che ha ospitato la “strana coppia” Zingaretti, punta di diamante dei Democratici di sinistra, affiancato da Cippitelli, ex (?!) esponente del centrodestra locale, folgorato sulla via di Damasco nel febbraio scorso.

Sembrerebbe, ma nella realtà non è, che questa Città fosse oggetto di attenzioni “particolari” dei vari livelli di governo: invece, il bilancio è a saldi negativi e lo sfondo sociale a tinte scurissime Ne è una riprova tangibile e senza possibilità di appello, il recente accordo di programma presentato al Mise, contenente interventi per 91 milioni di euro (61 di competenza regionale), le cui risorse dovrebbero essere distribuite ai 31 Comuni dell’area industriale di Frosinone – Anagni – Fiuggi.

Orbene, ancora una volta uno schiaffo in pieno volto al territorio, l’ennesima occasione-speranza di rilancio persa, la prova incontrovertibile di debolezza non solo politica, ma di forma mentis, della popolazione e di una parte del ceto politico locale.

Puntualmente ad ogni tornata elettorale la Città è attraversata in lungo e in largo, da menestrelli pronti a dispensare le promesse più varie e mirabolanti, accompagnate sempre dai soliti mantra di rilancio e occupazione.

 A intervalli regolari, la città di Vittorio de Sica si trasforma in un set cinematografico. In questo set però non si gira un film, ma si gioca, senza rispetto e con superficialità con il destino di chi il territorio lo abita, colpevole o complice di non selezionare chi sappia “sponsorizzarli” ai piani alti e/o rappresentarli adeguatamente.

Al prossimo ciak…

 

Annunci

images (1)Se dovessimo misurare la qualità della vita urbana della Città di Sora utilizzando uno dei parametri più comuni nelle statistiche, quello della “mobilità sostenibile”, il verdetto sarebbe implacabile e negativo.

A riguardo giova infatti ricordare che con l’espressione “mobilità sostenibile” si suole indicare l’esigenza avvertita come preminente dai cittadini di avere un sistema di mobilità urbana “integrato” che permetta ad ognuno l’esercizio del proprio diritto alla mobilità, con una drastica riduzione delle emissioni inquinanti atmosferiche e acustiche, mediante un complesso e articolato sistema che faccia perno sul bike sharing e sui mezzi pubblici, tale da decongestionare il traffico e offrire un’immagine migliore della città, rendendola più vivibile.

Ebbene, nonostante la nostra città sia prevalentemente pianeggiante e presenti ottime possibilità di implementare in tempi rapidi e con efficacia un sistema di bike sharing, non si rinviene alcuna volontà politica concreta di andare in tale direzione.

Tuttavia, con delibera del 23 gennaio del 2013, la Giunta del comune di Sora ha deliberato di dare inizio a lavori di rifacimento parziale, abbattimento delle barriere architettoniche e implementazione di un tratto di pista ciclabile in una porzione di strada che interessa il Lungoliri Mazzini nello specifico, Ponte di Napoli e Tazio Nuvolari per un Importo di euro 146.900,00.

Una buona notizia per la disastrata mobilità del sorano,  forse una speranza per il futuro: sicuramente però sono interventi non sufficienti a garantire una mobilità veramente sostenibile.

images

Eppure un tentativo di introdurre tale modello fu iniziato con la precedente amministrazione Casinelli, che avvalendosi della collaborazione del Comune di Ferrara, progettò un ambizioso sistema integrato di trasporto nel quale il bike sharing doveva essere l’elemento di punta.

Ormai perfino in comuni limitrofi con una morfologia urbana molto frastagliata, come il capoluogo di provincia Frosinone, le amministrazioni hanno con coraggio scelto tale opzione.

I vantaggi e le ricadute pratiche sarebbero notevoli, dal decongestionamento del traffico, a un migliore e più civile decoro urbano, all’immagine della città più dinamica e moderna.

Quando la città di Sora si doterà di una mobilità sostenibile?

 


occupygeziparkDopo mesi di proteste e duri scontri, si riaccendono i riflettori sulle ragioni, SPESSO sopite dai media, altre volte strumentalizzate, che hanno spinto i ragazzi turchi a scendere in strada per difendere un simbolo, il “gezi parki”, su cui si doveva abbattere una speculazione insensata e dannosa.

Non sarà sfuggito a molti attenti osservatori che in quei mesi, era in atto non solo uno scontro di vedute fra favorevoli e contrari al progetto, e quindi tra popolazione e governo, ma sopratutto fra due visioni e modi di intendere ed interpretare anche il potere e il suo esercizio.

Da una parte infatti c’era e tuttora c’è il premier turco Erdogan, vero giano bifronte della politica orientale: aperto e progressista nelle manifestazioni pubbliche di intenti, quando si tratta di presiedere i consessi europei ed internazionali, avvezzo invece a pratiche autocratiche, spesso al limite della repressione e altresì a gestioni clientelari, come lo scandalo che scuote il suo governo oggi ci testimonia ineviquivocabimente, quando in ballo c’è l’amministrazione interna.

Dall’altro lato della “barricata” invece c’era e c’è ancora la generazione di gezi parki, quella che vuole e combatte per uno Stato laico, quanto a forma di governo, che intende quindi il potere come cura di interessi generali, pretendendo quindi un confronto attivo e costante quando le decisioni hanno rilievo e ripercussioni sulla generalità dei cittadini.

download

Del rapporto fra governanti e governati si annovera una narrativa e bibliografia sconfinata, particolareggiata, ma  in questa occasione è il mutamento del registro di comunicazione  così significativo e potente a rubare la scena.

L’immagine della ragazza in vestito rosso nel ben mezzo degli scontri che ha fatto il giro del mondo, testimonia in maniera perfetta e scultorea meglio di qualunque saggio o resoconto giornalistico, la plasticità di una situazione sociale, ovvero il contrasto fra due generazioni, la conseguente frattura, forse non rimediabile, fra il potere come cura di interessi generali e la sua metamorfosi come instrumentum regni!

Quando il set di strumenti legislativi e quindi un ordinamento intero viene snaturato e piegato ad interessi di parte e/o particolari, viene meno lo Stato e quel contratto sociale di Rousseau, nel quale si cristallizzava un accordo teso a bilanciare e garantire la pace sociale.

images (1)

Il rosso delle vesti della ragazza sembra quasi uscire prepotentemente dalla cornice di desolazione e confusione che riempie la foto; il contrasto tra il bello e gradevole, ovvero l’innocente bellezza e la travolgente semplicità della manifestante, la inutile forza e insensata repressione incarnata dall’agente che con idrante respinge gli oppositori, testimoniano in maniera inequivocabile come il contratto sociale, la cessione di sovranità a fin di buon governo, stia sempre più sbiadendo.

images

“La bellezza salverà il mondo” affermava speranzosamente il principe Miskin nell’idiota di Dostoevskij!  Forse, ma sarà prima necessario recuperare il senso e il significato del bello in ogni ambito…


2005-01-23-052Un viaggio breve o lungo che sia, per mete nazionali o estere, è pur sempre opportunità di confronto ed al contempo di arricchimento e riflessione.

Capita così che un improvviso e non programmato tour di fine estate tra le strade di Roma ed il litorale jonico, unisca e focalizzi come in uno di quei giochi di enigmistica, una dura e poco digeribile realtà tutta italiana, a cui purtroppo da qualche tempo anche la mia città contribuisce: l’abbandono intollerabile della sua storia e il degrado delle sue ricchezze naturali e architettoniche.

Dalla città eterna, nella quale sgomenti si assiste ad una modernità prepotente che cerca di soffocare le tipicità di un passato da preservare, passando alla città che ha visto il ritrovamento dei bronzi di Riace, e sul cui suolo il matematico Pitagora cercava le armonie del cosmo, i tratti comuni sono purtroppo molti. In un pomeriggio assolato, decido di visitare la splendida colonna di Era a capo Lacinio, ansioso di vedere quel che sui testi avevo letto.CapoColonna2007

Purtroppo, colonna e paesaggio a parte, ritrovo una situazione simile a quella di Rocca Sorella e altre bellezze della nostra zona. Aree che dovrebbero essere preservate o migliorate per una agevole fruibilità, ruderi e testimonianze di ciò che era bello, grande e maestoso, che dovrebbero essere l’anello di congiunzione tra un passato aureo ed un futuro da rifondare, sono ostaggio di una distruttrice indifferenza e di un degrado cinico e brutale.

sancasto2

Malinconia, un senso di impotenza, frustrazione,  si impossessano di me mentre leggo i cartelli con date di scadenza dei lavori, non ultimati, quando percorro traballanti ed improponibili passerelle per i ruderi: mi richiamano alla mente come un pugno allo stomaco i vicoli sorani, i ruderi del tempio ritrovato occultati in discarica, il Castello dei sorani,  i film di De Sica, simboli ormai di un passato che la mano dell’uomo sta scolorendo.

Tornato dal viaggio, mentre costeggio la via di casa scorgo con lo sguardo triste e un pò rassegnato la mia città: penso ai segni del declino visti nel mio breve tour presenti anche a Sora, spesso non percepiti o peggio sottovalutati.

Rifletto su come i miei concittadini troppo spesso siano presi ed assorbiti in diatribe inconsistenti e in pettegolezzi, mentre i germi dell’ indifferenza corrodono ed erodono progressivamente i ponti di un passato ricco di storia.

Riecheggiano come un tic tac incessante il pensiero delle armonie di Pitagora “dimenticate” da chi ha partorito il rinascimento, la tenacia nel “combattere”  propria dei volsci che sembra non appartenere più ad una popolazione ormai assuefatta a tutto e a tutti, forse anche a se stessa.


UNO STRALCIO DEL MIO PROGETTO DI RICERCA CHE HA CONCORSO PER L’ “EUROPEAN SOCIAL COMPETITION”

DELLA COMMISSIONE EUROPEA

INTITOLATO A DIOGO VASCONCELOS.

diogo_vasconcelos-dr

RATIO DEL MODELLO

La difficoltà non sta nel credere nelle nuove idee, ma nel fuggire da quelle vecchie” – John Maynard Keynes

Introduzione

Il sistema capitalistico moderno, nel suo modulo organizzativo più affermato, quello dell’economia di mercato, si caratterizza per la compresenza di due criticità tra loro strettamente interconnesse e complementari: da un lato la intrinseca instabilità del sistema economico che alterna periodi di espansione e benessere con fasi di acuta contrazione; dall’altro le conseguenze oggettive-sociali delle endemiche e cicliche crisi, elevati tassi di disoccupazione nonché fallimenti e chiusure di imprese.

In questo panorama, come per la grande crisi del 29’, il problema non è solamente di carattere economico-finanziario, quindi contingente: invero, non solo bisogna fronteggiare la fisiologica distruzione di ricchezza che tale fenomeno genera, ma altresì le pesanti ed onerose ripercussioni di ordine sociale che comunque rappresentano anche un costo per gli stati ed i cittadini.

5347-ue-fondi-strutturali-contro-disoccupazione-giovanile-dati-e-proposte-350

 

                                CRITICITA’

In tale contesto, fluido, magmatico ed in continua evoluzione, i nodi cruciali del mercato del lavoro, italiano ed europeo da affrontare sono:

  •     l’evoluzione sempre più rapida dei processi produttivi;

  •      le sfide delle nuove economie emergenti;

  •     il mancato incrocio di competenze professionali

Invece, le criticità attuali del settore industriale europeo possono essere elencatene così:

  •     la mancanza di competitività;
  •      il ritardo nell’innovazione tecnologica;
  •      la capacità di ristrutturarsi e riconvertirsi in tempi rapidi per stare sul mercato.

 

                         GUIDE LINES

Per quanto concerne il Lavoro, nella “learning society” si rendono sempre più urgenti strumenti e moduli di aggiornamento e continui upgrade che permettano a migliaia di lavoratori spesso nel limbo della disoccupazione strutturale di rendersi e/o rimanere appetibili per il mercato del lavoro e di diventarlo nuovamente.

Discorso analogo con identica ratio vale per il tessuto industriale spesso incapace o poco incline a rinnovarsi e ad essere competitivo, a causa anche delle influenze di un paternalismo statale a carattere assistenzialista dei decenni precedenti; ne consegue che si scaricano così troppo frettolosamente sulle finanze pubbliche e quindi sulla società i ritardi e/o errori, nella mancanza anche di canali di finanziamento o di supporto logistico adeguati che invece permettano di invertire la tendenza e di recuperare gap di competitività.

kk

Obiettivo

Ci proponiamo pertanto di porre rimedio alle disfunzioni sistemiche dell’economia di mercato europea nonché alle carenze di risposta a livello legislativo mediante l’elaborazione di un articolato e dinamico sistema incentrato su due istituzioni comunitarie, una a carattere strumentale e di supporto, l’altra a carattere esecutivo, che devono operare congiuntamente e sinergicamente:

  •    la B.E.L. la Borsa Europea Lavoro;
  •     il Fondo “Rise Up”.

STRUMENTI

Fase I- Screening

1)    La Borsa europea Lavoro:

Essa rappresenta in tale modello il fulcro del sistema: dal punto di vista strutturale dovrebbe essere delineata come un’istituzione comunitaria che fa da terminale alle varie agenzie del lavoro degli stati, dal C.O.L. italiano, il centro orientamento lavoro, al job guidance center britannico, al Centres d’Orientation au travail francese, al Centros d’Orientacion al trabajo spagnolo etc..ff

 

 

L’obiettivo è quello di raccogliere, analizzare, sintetizzare e catalogare i dati riguardanti il mercato del lavoro delle varie nazioni, acquisiti sia in forma diretta (conduzione di indagini mirate sul territorio e banche dati già in possesso), che indirettamente, offrendo un quadro sintetico e chiaro. Uno degli aspetti maggiormente innovativi del servizio de quo, è quindi quella di fornire uno screening analitico del mercato del lavoro comunitario, sia in termini di domanda che di offerta di lavoro. Da tale analisi quindi si formerà una banca dati che verrà ordinata in una “borsa lavoro europea” con una serie di indicatori che evidenzieranno:

  • i lavori e le competenze maggiormente richieste;
  •   i profili più ricercati e carenti sul mercato;

  •  le forze lavoro in eccedenza od espulse,

    che necessitano di riqualificazione e di reinserimento;

    
    
  •   i settori industriali in crisi.index

 

                                 AZIONI

Da tale monitoraggio quindi potranno prendere corpo due ordini di azioni, singolarmente e/o congiuntamente, con il supporto finanziario del Fondo “rise up”:

 

  •     la riqualificazione professionale mediante voucher formativi o mediante corsi e/o programmi di formazione dei lavoratori inoccupati o “esodati”;

 

  •     la riconversione o ristrutturazione delle imprese in difficoltà ( es. Caso Ilva di Taranto, Miniere del Sulcis Italia) oppure il sostegno finanziario alle pmi per lo start up nei settori emergenti.

Project manager  p.Avv. Valentino Cerrone

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: