SMALTIMENTO DEI RIFIUTI O “RIUTILIZZO” DEI PRODOTTI? QUALE STRATEGIA PER IL NOSTRO TERRITORIO?

febbraio 11, 2014


gestione-recupero-e-smaltimento-rifiuti-speciali-1La problematica dello smaltimento dei rifiuti rappresenta per le amministrazioni locali e per i cittadini di un territorio una delle problematiche più dense di implicazioni ma al contempo di opportunità, per due ordini di motivi.

Sotto il profilo economico infatti è noto che la obsoleta e inquinante metodologia dello smaltimento, sic et simpliciter in discarica, oltre che essere pericolosa per l’ambente, è altresì costosa, con squilibri e costi sempre crescenti per le finanze locali già stremate dai tagli governativi.

Altro limite è la circostanza che tale metodologia è circoscritta a un periodo temporale limitato, alla scadenza del quale, saturatasi la capacità della discarica si riprorrebbero i problemi.

Orbene, il trattamento dei rifiuti generà anche rischi ambientali, posto che ormai il fallimento dello smaltimento tradizionale è sotto gli occhi di tutti, con conseguenti bonifiche ambientali da attuare per rimediare ai danni prodotti alle falde acquifere e alla qualità dell’aria.

download

Una soluzione spesso conseguita con difficoltà organizzative ma anche di implementazione nel tessuto sociale, in una cittadinanza troppo poco informata sopra il rapporto benefici/costi/opportunità, è rappresentato dalla raccolta differenziata.

Tuttavia, il dibattito e gli studi in zone con un approccio molto innovativo in tale materia, come l’Olanda e la Germania, ci indicano anche una terza via, da praticare in aggiunta e combinato alle altre: la “riutilizzazione dei prodotti”.

In sostanza si tratta di “estendere” la vita dei prodotti mediante il riutilizzo contribuendo all’obiettivo della conservazione delle risorse sia naturali che energetiche, e altresì conseguire l’obiettivo di una notevole riduzione delle emissioni di gas serra.

A tale risultato si connetterebbe un aspetto fondamentale: soddisfare la domanda dei consumatori senza la produzione di nuovi prodotti, generando anche economie di scala legate al ciclo di “riutilizzo” e quindi posti di lavoro!

In sintesi il riuso di materiali e beni comporta il “reinserimento” all’interno della sfera economica di prodotti che altrimenti sarebbero irrimediabilmente destinati alla discarica.

Da uno studio molto accurato e innovativo emerge come la metodologia utilizzata in un progetto di ricerca sviluppato da Occhio del Riciclone in partenariato con la Mercatino Srl, implementata correttamente non si propone solo come un nuovo approccio strategico.

Invero in linea con le migliori pratiche di gestione dei rifiuti e conformemente alla DIRETTIVA 2008/98/CE del Parlamento Europeo e del Consiglio del 19 novembre 2008 il riutilizzo da scenario “auspicabile” nella gestione dei rifiuti in luogo del riciclo di materiali, diverrebbe un’opportunità di miglioramento ambientale, di sviluppo di una nuova sensibilità e infine di crescita di una nuova economia.

Nelle nostre amministrazioni locali a che punto stiamo, al di là delle sbandierate, cantierate e spesso deludenti programmazioni in materia di rifiuti?!

Tentar non nuoce…

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: